Ordigno lanciato sulla sua auto Solidarietà alla collega Aniballi

Sembra incomprensibile un attentato di tale gravità, ma il fatto è che la giornalista romana Elisabetta Aniballi ha visto quasi saltare in aria la sua auto davanti al Comune di Guidonia per un ordigno lanciato da due uomini in moto, poi riusciti a fuggire. Il Sindacato cronisti romani è vicino alla collega con la più forte solidarietà ma anche con la preoccupazione di un atto che appare come un’intimidazione inaccettabile. Elisabetta Aniballi, da quindici anni professionista, dirige il giornale "Il Municipale" a Guidonia, in provincia di Roma. Un giornale istituzionale, ma che da 4 numeri ha cambiato la sua linea, con l’ambizioso progetto di raccontare gli atti amministrativi dal di dentro. Parlando di atti amministrativi e di appalti con un approccio innovativo e moderno. "Si parla di trasparenza degli atti amministrativi, ma che trasparenza c’è se non c’è un giornalista che li racconta" dice Elisabetta Aniballi, spiegando con un entusiasmo il suo progetto. Che sia questo l’obbiettivo dell’intimidazione appare tanto credibile che i carabinieri hanno sequestrato gli ultimi quattro numeri della rivista per cercare indizi e ragioni dell’attentato.